NEWS

UBP: Emergenti, guardare oltre Turchia e Argentina

di Koon Chow EM macro and FX strategist di Union Bancaire Privée – UBP 12 Settembre 2018

Le forze del contagio fra gli emergenti hanno spinto molti di questi mercati verso il basso, ma hanno contemporaneamente creato opportunità di investimento. I problemi economici di Turchia e Argentina e il calo dei prezzi degli asset sono stati la fonte del contagio, portando gli investitori a vendere asset anche da mercati con fondamentali positivi.

 

L'Indonesia è uno di questi casi e il calo dei prezzi è incongruente con la sua rapida e sostenuta crescita del PIL (oltre il 5%) e la sua politica fiscale e monetaria conservativa. È importante sottolineare che il fabbisogno di finanziamento estero dell'Indonesia è contenuto, con un disavanzo delle partite correnti pari a -2% del PIL rispetto al -4% dell'Argentina e al -6% della Turchia. 

 

Tra i principali mercati emergenti, gli investitori potrebbero guardare alla Thailandia (in particolare nell’universo azionario), dove le partite correnti registrano un forte surplus, il che implica rischi legati al finanziamento estero quasi nulli e dove la crescita del PIL è interessante, a più del 4%.

 

Se gli investitori sono disposti a guardare ai paesi meno convenzionali, suggeriamo i mercati dell'America centrale e dei Caraibi, nonché i paesi dell'Africa subsahariana meglio gestiti. Tra questi, si possono trovare asset con valutazioni convenienti e un mix economico ancora interessanti di crescita rapida, politica macroeconomica responsabile e, soprattutto, basso fabbisogno di finanziamenti esteri.

 

Il nostro team si concentra principalmente sulle obbligazioni e nel nostro spazio, i tre maggiori cali di prezzo si sono verificati in Turchia (-12% in media su tre mesi per le obbligazioni sovrane), Argentina (-16%) e Zambia (-17%).  Riteniamo che alcuni titoli provenienti dall'Argentina e in misura minore dallo Zambia, a questi livelli, siano interessanti.

 

L'Argentina ha recentemente annunciato un ulteriore taglio del suo deficit di bilancio per i prossimi tre anni, che probabilmente otterrà sia l’approvazione sia prestiti più consistenti da parte del Fondo Monetario Internazionale (FMI). Questi potrebbero aiutare a risolvere il fabbisogno di finanziamento del paese e arrestare il drastico calo del peso. I livelli di rendimento delle obbligazioni dell’Eurozona in media sono tornati ai massimi del 2014, quando l'Argentina aveva fatto default, il che suggerisce che molte notizie negative sono state prezzate.

 

Lo Zambia è un paese più problematico, con un ampio disavanzo di bilancio e delle partite correnti, e nessun segno di misure politiche correttive. Tuttavia, i rendimenti sono interessanti anche in questo caso, il settore del rame sta andando bene e il governo potrebbe rivolgersi al FMI per ricevere assistenza se i suoi problemi di liquidità dovessero intensificarsi. Tra i tre paesi, siamo più cauti nei confronti della Turchia, dato il grande fabbisogno di finanziamenti esteri (179 miliardi di dollari di debito estero in scadenza entro 12 mesi) e la persistente incertezza tra gli investitori sulla capacità della banca centrale di ridurre l’altissimo tasso di inflazione.

 

MAPPA
COMMENTI
STESSA CATEGORIA
20 Settembre 2018  |   di Norman Villamin, Chief Investment Officer (CIO) Private Banking and Head of Asset Allocation, di Union Bancaire Privée - UBP

Ubp: I due potenziali scenari della guerra commerciale

L'annuncio da parte degli Stati Uniti di tariffe del 10% su ulteriori 200 miliardi di dollari in esportazioni cinesi negli

20 Settembre 2018  |   di Jeroen Van Oerle e Patrick Lemmens, Portfolio Managers della strategia Global FinTech Equities di Robeco

Robeco: le sette marce del fintech

Il fintech è stato oggetto di grandi cambiamenti negli ultimi anni. Nato come una nuova tecnologia di pagamento, si è trasformato

 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes   0.3140 100,418,202 0.237
Beni Stabili   0.7730 1,754,395,237 2.394
Brioschi   0.0694 54,663,940 0.002
Coima Res   7.7800 280,134,460 0.072
Dea Capital   1.2800 392,463,488 0.358
Gabetti   0.2780 16,308,150 0.029
Hi Real   0.0291 2,114,861 0.000
Igd   6.8520 756,062,719 0.748
Italcementi   10.5800 3,695,283,794 0.000
Mutuionline   17.7600 710,400,000 0.539
Nova Re   4.8990 50,842,679 0.013
Prelios   0.1162 158,506,911 0.000
Risanamento   0.0248 44,660,937 0.013
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
  1,486.0000 154,358 0.022
  990.0000 84,004,470 0.079
  905.0000 60,344,495 0.082
  265.0000 138,202,800 0.017
  12.8000 7,680,038 0.012
  49.4000 13,262,616 0.000
  466.5000 56,913,000 0.000
  84.9500 178,847,189 0.000
  431.8000 48,965,256 0.000
  86.3000 125,560,200 0.036
  410.0000 23,124,000 0.000
  24.8500 1,528,374 0.000
  4.1370 0 0.009
  38.0000 2,614,400 0.001
  1,141.2000 0 0.017
  560.0000 72,240,000 0.054
  308.0000 18,480,000 0.001
  264.5500 0 0.036
  56.8000 36,726,312 0.000
  731.0000 116,960,000 0.042
  600.2000 18,516,170 0.002
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE