NEWS

Stiamo covando una recessione?

di Brad Tank, Chief Investment Officer – Fixed Income 10 Ottobre 2019

La settimana scorsa, dopo essere stati a lungo sballottati qua e là dalle notizie politiche e geopolitiche, i mercati hanno potuto nuovamente focalizzarsi sui dati dell’economia.

 

Purtroppo, il motivo per cui finalmente i dati economici sono riusciti a imporsi all’attenzione generale, superando il chiasso suscitato dalle richieste di impeachment, dai disordini di Hong Kong e dagli spauracchi della Brexit, è che hanno tracciato un quadro tutt’altro che roseo.

 

Umori più cupi

 

Martedì, quando l’Institute for Supply Management (ISM) ha diffuso le ultime cifre sul settore manifatturiero statunitense, gli umori si sono fatti più cupi. Il 47,8 registrato a settembre dall’indice costituisce un arretramento considerevole rispetto al mese prima e smentisce le previsioni degli economisti che avevano anticipato una ripresa. Dei 18 settori su cui viene condotto il sondaggio, 15 sono risultati in contrazione. Si tratta del risultato peggiore degli ultimi 10 anni.

 

Queste cifre hanno oscurato il dato definitivo dell’indice PMI di Markit relativo al settore manifatturiero statunitense per il mese di settembre, pubblicato quasi in contemporanea, che ha segnato di recente una graduale ripresa indicando un apparente consolidamento.

 

La differenza potrebbe essere attribuibile al fatto che l’ISM conduce il proprio sondaggio tra società di maggiori dimensioni e con un’esposizione globale più vasta. Il timore è che i dati dell’ISM mettano in dubbio l’invulnerabilità degli Stati Uniti alla flessione del settore manifatturiero globale e che a lungo andare l’impatto subito dalle società di maggiori dimensioni abbia ricadute sulle aziende più piccole, operative in ambito più locale.

 

Oggi la situazione è diversa?

 

Non è la prima volta che il settore manifatturiero registra una flessione nell’attuale, prolungato ciclo di espansione. Tra il 2011 e il 2013 gli indici PMI del settore manifatturiero dell’Eurozona e degli Stati Uniti segnarono già un calo e nell’inverno 2015-2016 l’indice americano scese un’altra volta sotto quota 50. Alla fine, i settori non manifatturieri dell’economia – meno soggetti alla volatilità – si mantennero saldi, le scorte si normalizzarono e quei cedimenti si rivelarono semplici rallentamenti di metà ciclo.

 

Oggi la situazione è diversa?

 

Fra il 2011 e il 2013, le aziende manifatturiere vennero colpite dalla crisi dell’eurozona. I guai della moneta unica costituivano una minaccia tanto grave quanto di ampia portata alla fiducia dei consumatori e delle imprese a livello globale. Ma non appena la Banca Centrale Europea fece comprendere di essere pronta a intervenire con decisione, la ripresa fu immediata e robusta.

 

La recessione del 2015-2016 fu figlia dei timori riguardanti il tasso di crescita della Cina e di un netto declino dei corsi petroliferi. Il contraccolpo venne avvertito maggiormente in Cina e negli Stati Uniti. Ancora una volta, il deciso intervento fiscale e monetario di Pechino produsse l’obiettivo politico desiderato, risollevando la crescita. Negli Stati Uniti il settore energetico, che fino a poco prima aveva assistito a una forte espansione, risentì di un calo dei prezzi. Nondimeno, il contagio al resto dell’economia fu contenuto. Tutti questi eventi impedirono una più profonda erosione della fiducia.

 

Una fiducia che oggi è assai più fragile.

 

Nel terzo trimestre, il CEO Index di The Conference Board è crollato drasticamente, toccando il livello più basso dal 2009, coerentemente con il perdurante calo della spesa in conto capitale. Non sorprende che, osservando l’indice PMI manifatturiero per ciascun settore, gli investimenti in beni strumentali siano in calo da gennaio.

 

Le potenziali turbolenze che l’economia globale si trova oggi a fronteggiare – la guerra commerciale tra Washington e Pechino, le ripercussioni della Brexit, la generalizzata svolta populista in politica e la prospettiva di una campagna elettorale al veleno negli Stati Uniti – non sembrano rapidamente risolvibili. L’efficacia delle politiche monetarie potrebbe essersi esaurita. E il ciclo si è semplicemente protratto per altri tre anni.

 

Aspettiamo un po’ prima di preoccuparci

 

Ecco perché la settimana scorsa altri dati sono stati oggetto di un esame approfondito. Stiamo parlando degli esiti dei sondaggi condotti nel settore dei servizi (diffusi giovedì) e dei dati sull’occupazione non agricola negli Stati Uniti (pubblicati venerdì).

 

Da più parti si ritiene che la metastasi dell’attuale flessione del manifatturiero in una recessione generale sia stata impedita dalla resilienza del settore dei servizi e dal sostegno che questo settore ha dato all’occupazione, ai salari e alla fiducia dei consumatori.

 

I dati del settore dei servizi denotano un andamento simile a quelli del settore manifatturiero. Mentre l’indice PMI ha registrato l’andamento previsto, denotando un’espansione modesta ma stabile, l’indice ISM ha deluso le attese. Anche in Europa, gli indici PMI sono stati deludenti,

Mentre i dati sui salari sono risultati contrastanti. I dati sull’occupazione non agricola sono in calo rispetto al mese precedente ma in linea con il ridimensionamento delle aspettative. Un discorso analogo vale per l’impiego privato, che esclude i lavoratori a tempo determinato. La retribuzione oraria media è risultata deludente, ma non tanto quanto si era temuto sulla base dei dati diffusi nella prima parte della settimana. Anche il tasso di disoccupazione è sceso ai minimi storici.

 

Per ora, quindi, i timori di una totale recessione nei prossimi 6-12 mesi, possono probabilmente essere tenuti nel cassetto. È ancora possibile che l’attuale fase critica finisca per rivelarsi solo un terzo scivolone nell’arco complessivo di questo prolungato ciclo economico. Restano comunque altri fattori di cui tener conto: i rischi di eventi politici avversi restano alti e le banche centrali e gli investitori seguiranno con la massima attenzione i dati diffusi. Questi sono gli ingredienti perfetti per la volatilità dei mercati.

 

MAPPA
COMMENTI
STESSA CATEGORIA
15 Novembre 2019  |   di Jian Shi Cortesi, portfolio manager per l’azionario asiatico e cinese di GAM Investments

Se la trade war si spostasse in Borsa?

Nella guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti si sta combattendo una nuova battaglia. Secondo alcune fonti dell’amministrazione

15 Novembre 2019  |   di Andrew Keirle, gestore del fondo T. Rowe Price Funds SICAV – Emerging Local Markets Bond e di Eric Moffett, gestore del fondo T. Rowe Price Funds SICA

Mercati emergenti, prevalgono i rischi o i rendimenti?

Negli ultimi dieci anni, l’universo emergente ha generato rendimenti positivi sia sul mercato azionario che su quello obbligazionario

 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes   1.1000 35,233,378 0.022
Brioschi   0.0780 61,437,858 0.002
Coima Res   9.0600 327,125,415 0.001
Covivio   103.0000 8,975,591,083 0.036
Dea Capital   1.4000 373,256,940 0.046
Gabetti   0.2840 16,781,821 0.015
Heidelberg Cement   66.6800 13,230,410,686 0.010
Igd   5.9400 655,430,904 0.224
Mutuionline   18.5200 740,800,000 0.058
Nova Re   3.7700 41,517,329 0.008
Restart   0.6960 22,258,491 0.169
Risanamento   0.0366 65,910,899 0.057
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
  1,190.0000 123,611 0.002
  1,134.2000 96,223 0.009
  918.0000 61,211,322 0.005
  287.5000 149,937,000 0.010
  50.0000 13,423,700 0.000
  466.5000 56,913,000 0.000
  84.8000 178,531,390 0.000
  467.0000 52,956,866 0.000
  115.4000 167,898,576 0.051
  410.0000 23,124,000 0.000
  24.8500 1,528,374 0.000
  4.1000 0 0.001
  36.1050 2,484,024 0.000
  1,127.6000 0 0.024
  95.6400 12,337,560 0.003
  130.2000 7,812,000 0.053
  235.0000 0 0.014
  58.6500 37,922,504 0.000
  205.0000 32,800,000 0.052
  610.0000 18,818,500 0.005
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE