NEWS

Rischio liquidità sotto la superficie ottimista dei mercati del credito?

di Norman Villamin, CIO Wealth Management di Union Bancaire Privée (UBP) 6 Dicembre 2019

A livello globale stanno emergendo segnali di ripresa economica, portando sollievo agli investitori che per gran parte del 2019 hanno dovuto riconciliare la crescita dei mercati con l’indebolimento delle economie. L'economia americana sembra infatti essere vicina alla fine del suo mini-ciclo e come in passato la Federal Reserve e la Banca centrale europea stanno attivamente allentando la politica monetaria per arrestare il rallentamento economico.

 

In passato, i mini-cicli del 2012-2013 e del 2015-2016 sono culminati in eventi creditizi che hanno portato ad azioni di carattere più aggressivo. È incoraggiante il fatto che nell’ultimo periodo la Fed e la BCE si siano mosse in modo più proattivo nel chiaro tentativo di prevenire tali eventi, soprattutto alla luce della perdurante instabilità dei mercati monetari statunitensi che dura da settembre. Con le misure straordinarie della Fed, la liquidità in dollari è però tornata solamente al punto in cui era all'inizio del 2019, mostrando come sia necessario un maggior lavoro per mitigare in modo più duraturo i rischi di uno shock di liquidità come quello osservato a settembre, specialmente con l’avvicinarsi della fine dell’anno e della “tax season” di marzo-aprile.

 

Inoltre, mentre in generale i mercati del credito hanno riportato un rally nelle ultime settimane, stanno emergendo segnali di stress in alcune aree del mercato del credito USA, tra cui le obbligazioni ad alto rendimento a basso rating, i prestiti a leva finanziaria e i prestiti garantiti. sono sempre più selettivi nei confronti dei rischi che sono disposti a sostenere.

 

Fortunatamente, la Federal Reserve e la Banca centrale europea nelle ultime settimane hanno coordinato il loro approccio per allontanare la prospettiva di crescenti segni di stress creditizio e/o illiquidità nei mercati delle obbligazioni societarie. Infatti, alla fine del 2018 e nuovamente a metà del 2019, la Fed e la BCE hanno attivato delle politiche il cui scopo era quello di contenere un prolungato ampliamento degli spread creditizi e i segnali di illiquidità che stavano emergendo nei mercati del credito sia in dollari che in euro. Guardando al futuro, sebbene questi fattori di stress possano diffondersi da aree di nicchia al più ampio mercato del credito, prevediamo che entrambe le banche centrali rimarranno reattive a qualsiasi segnale di stress, contribuendo a rassicurare coloro che investono nel credito societario in dollari e in euro.

 

Di conseguenza, guardiamo con interesse a strategie di credito attive focalizzate sulla qualità in grado di guardare oltre gli aumenti di volatilità a breve termine, qualora dovessero emergere nel credito corporate sia in dollari sia in euro. Sembra improbabile che i bond emergenti in dollari possano beneficiare di una reattività simile della FED e della BCE in caso di stress creditizio. Tuttavia, se tale tensione dovesse spingere uno o entrambi gli istituti ad agire, il debito dei mercati emergenti sarebbe il primo a beneficiarne nel lungo periodo

 

Nel complesso, nonostante i segnali di ripresa economica, esiste la possibilità di una volatilità a breve termine sotto la superficie ottimistica dei mercati del credito. In questo segmento preferiamo quindi un approccio incentrato sulla qualità e “hold to maturity” per affrontare questa volatilità. Allo stesso tempo, gestiremo in maniera attiva e opportunistica i nostri più ampi portafogli di attività "risk-off" per garantire un'ammortizzazione sufficiente nel caso in cui si verifichino tali eventi di mercato e fino a quando la Federal Reserve non ripristinerà con successo un contesto di liquidità costruttiva di fronte alle crescenti esigenze di rifinanziamento delle società USA e del governo degli Stati Uniti negli anni a venire.

 

 

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 0.15 1.3300 42,600,358 0.191
Brioschi 1.71 0.0950 74,828,160 0.570
Coima Res 0.91 8.8800 320,626,235 0.245
Covivio 2.11 106.5000 9,288,919,989 0.154
Dea Capital 0.00 1.4660 390,853,339 0.175
Gabetti 0.34 0.2910 17,284,120 0.016
Heidelberg Cement 2.07 64.0600 12,710,559,517 0.038
Igd 0.32 6.2400 688,533,475 0.289
Mutuionline 0.69 22.0000 880,000,000 0.386
Nova Re 0.00 3.5000 38,543,939 0.001
Restart -1.34 0.7350 23,506,478 0.095
Risanamento 0.52 0.0390 70,232,925 0.098
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.56 1,190.0000 123,611 0.002
0.26 1,170.0000 99,278 0.064
0.00 909.3000 60,631,215 0.004
-0.32 277.0500 144,487,116 0.003
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
-1.50 103.8200 151,050,521 0.132
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
2.27 4.4180 0 0.000
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
-0.44 1,210.6000 0 0.101
0.00 94.0000 12,126,000 0.002
0.30 47.2000 2,832,000 0.012
-0.21 232.1000 0 0.015
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
-0.66 216.7500 34,680,000 0.012
1.84 570.4000 17,596,840 0.002
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE