NEWS

Performance di mercato mutata da fine 2018, lo è anche la realtà dei fatti?

di Robert M. Almeida, Portfolio Manager e Global Investment Strategist di MFS 25 Marzo 2019

Le preoccupazioni degli investitori nell'ultimo trimestre del 2018 sembrano essere svanite, a giudicare dal ritorno della  propensione al rischio cui abbiamo assistito nei  primi due mesi  del 2019 sui mercati azionari e obbligazionari globali.

 

La domanda sorge spontanea: gli investitori sono stati troppo pessimisti allora o sono troppo ottimisti ora? 

 

A mio  avviso, la risposta è affermativa in entrambi i casi. Di fatto, il mercato risente del cosiddetto "recency bias", vale a dire che conserva memoria degli eventi recenti  molto più di quelli passati, e tende a lasciarsi fuorviare da informazioni non significative. 

 

Vediamo se la realtà dei fatti è tanto cambiata dalla fine dell'ultimo trimestre da giustificare una tale volatilità.

 

In linea generale, gli investitori sembrano essersi aggrappati a tre motivi di speranza nei primi mesi del 2019: un cambio di tono da parte delle banche centrali, soprattutto della Federal Reserve, verso posizioni più accomodanti, la prospettiva di una soluzione alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e la fine del più lungo blocco delle attività amministrative nella storia degli Usa.

 

Eventi macroeconomici di questo tipo sono difficili, se non impossibili, da prevedere. I fondamentali societari e settoriali a lungo termine orientano i cashflow, dunque sarebbe forse più opportuno chiedersi se i dati macroeconomici sono di fatto irrilevanti per i prezzi degli attivi.

 

A mio avviso, è  bene porsi alcune questioni essenziali: se la  società candidata all'investimento è incline a  guadagnare o a perdere quote di mercato nei prossimi cinque anni; se storicamente detiene un potere di prezzo o subisce quello di mercato e in quali circostanze; se, più in particolare, il management  sarà in grado di innalzare i prezzi perché la società possiede qualcosa di unico che sarà richiesto nei prossimi cinque o dieci anni e quali sono i rischi che la proposta di valore della società subisca una svalutazione; ancora, la società dovrebbe chiedersi come si colloca il costo  operativo odierno rispetto al possibile costo tra cinque anni e ancora, ma soprattutto, quali effetti si generano sulla struttura dei margini societari rispetto a ciò che viene scontato dal mercato.

 

Cosa è cambiato

 

Veniamo al dunque: è cambiata la realtà dei fatti, oppure i fattori che influiscono davvero sui prezzi degli attivi?

1. Gli utili societari sono robusti, in particolare negli Stati Uniti. Ma stanno rallentando.

2. Le valutazioni, ad ogni modo, non sono irragionevoli. Il concetto di valore equo è stato spesso richiamato lo scorso anno e lo è ancora oggi. Ma ciò che definiamo"equo" si basa sugli utili conseguiti negli ultimi 12 mesi. Bisogna chiedersi se con una decelerazione degli utili, le valutazioni resteranno ancora eque.

 

Attenzione ai cambiamenti dei fondamentali

 

Alcuni casi di settori in cui i cambiamenti di rilievo dei fondamentali, sottostanti i modelli di business, ci hanno indotto a mutare la nostra tesi d'investimento.

 

Nel corso dell'attuale ciclo economico a bassa crescita, le piattaforme online e la tecnologia hanno rivoluzionato il mondo delle imprese in settori diversi in tutto il mondo, portando un rapido cambiamento nelle dinamiche economiche di molti comparti. 

 

Ad esempio, le società di videogiochi sono state per lungo tempo imprese incentrate per lo più su un singolo prodotto, spesso fortemente dipendenti dalla necessità di avere un gioco di successo, e questo comportava cash flow molto variabili.

 

Negli ultimi anni, il modello di business del settore ha subito una trasformazione, poiché  Internet ha permesso agli sviluppatori di  passare dai dischi fisici commercializzati da rivenditori al dettaglio a un sistema di distribuzione interamente digitale diretto al  consumatore. 

 

Questo ha portato ad una serie di conseguenze: una flessione  significativa dei costi e una crescita dei margini, oltre che ad una minore dipendenza delle console dal ciclo.

 

Negli ultimi 18 mesi, tuttavia, ha fatto la sua  comparsa  un modello di business ancora più innovativo: quello dei videogame gratuiti online multi giocatore.

 

Come ha dichiarato Eric Fischman, gestore MFS di portafogli growth statunitensi, a un incontro globale di settore: "Fortnite potrebbe avere cambiato le carte in tavola, offrendo un gioco gratuito e un livello elevato di interattività tra giocatori. Lo sviluppatore guadagna sugli acquisti effettuati nell'ambito del gioco invece che richiedendo il pagamento anticipato per il suo utilizzo. 

Questo approccio ha il potenziale per alterare le dinamiche economiche del  settore e i fattori di crescita a lungo termine".

 

Un altro settore in cui i fondamentali sono cambiati è quello crocieristico. Gli operatori di navi da crociera hanno sempre dovuto affrontare importanti ostacoli d'ingresso nel settore, tra cui la necessità di investire da subito ingenti capitali (il costo di costruzione di una singola nave da crociera varia da  500 milioni di dollari a 1,5 miliardi). 

 

Le  società  del settore, dunque, sono state finora caratterizzate da un elevato indebitamento. A questo si aggiunge la dipendenza dalla disponibilità dei consumatori a spendere per il tempo libero un binomio che ha generato risultati molto eterogenei in termini di cash flow e rendimenti finanziari volatili.

 

Un cambiamento generalizzato ha però investito il settore: la  tendenza crescente a spendere di più per vivere esperienze piuttosto che per acquistare beni fisici (come ho già evidenziato il mese scorso) e a gestire meglio il capitale. Il comparto crocieristico sta registrando una crescita unitaria in varie fasce d’età, che coinvolge i pensionati, i millennial e persino la generazione Z.

 

Come ha osservato Lauren McCarthy, analista MFS per il credito statunitense: "La crescita dei cash flow reali  proviene da un incremento dei ricavi a bordo generati dall'intrattenimento disponibile sulla nave, come simulatori di surf, scivoli acquatici ecc. 

 

Le imbarcazioni da crociera aumentano le dimensioni e migliorano l'offerta, diventando parte dell'esperienza stessa del viaggio, oltre alle rotte interessanti percorse". 

 

Ne conseguono cash flow potenzialmente più elevati rispetto al passato  grazie a molteplici fattori di monetizzazione.

 

Investire è facile, ma è anche molto difficile. È facile sapere che sono i cash flow a determinare i prezzi di azioni e obbligazioni nel lungo termine. Il difficile è mantenere un approccio disciplinato, concentrarsi sulle informazioni o sui dati davvero significativi e ignorare tutto il resto.

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 2.61 1.7700 56,693,709 0.198
Brioschi 0.76 0.0800 63,013,188 0.007
Coima Res -0.78 7.6600 275,813,620 0.813
Covivio -0.21 93.5000 7,783,028,077 0.338
Dea Capital 0.40 1.5100 462,984,271 0.464
Gabetti Holding 0.31 0.3210 18,968,185 0.006
Heidelberg Cement 0.58 73.0600 14,496,307,810 0.022
Igd 0.00 6.7100 740,394,169 0.693
Mutuionline -0.34 17.5400 701,600,000 0.216
Nova Re 2.96 4.1800 43,380,772 0.000
Restart -2.21 0.4860 15,542,567 0.043
Risanamento 0.80 0.0252 45,381,275 0.042
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.37 1,578.8000 163,915 0.069
1.19 1,156.8000 98,090 0.033
0.28 932.6000 62,184,835 0.036
-0.02 239.8500 125,086,572 0.042
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
-0.38 105.6000 153,640,291 0.037
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
1.32 3.6475 0 0.011
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
0.02 1,026.8000 0 0.064
-1.98 291.5000 37,603,500 0.004
0.00 251.3500 15,081,000 0.000
0.00 284.0000 0 0.000
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
0.24 753.2000 120,512,000 0.044
-1.16 512.0000 15,795,200 0.002
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE