NEWS

Mercati all’insegna dell’incertezza. È l’ora delle obbligazioni emergenti in valuta forte

di Manuela D’Onofrio, Head of Investments & Products di Cordusio Sim 27 Giugno 2019

A caratterizzare i mercati nel corso dell’estate sarà la più elevata incertezza politica registrata dagli indici negli ultimi dieci anni. La guerra commerciale avviata dagli USA verso la Cina – e la cui minaccia non ha risparmiato neppure l’Europa – avrà impatti sulle catene di fornitura globali che andranno ben al di là del possibile accordo tra Donald Trump e Xi Jinping al G20 di Osaka del 28-29 giugno. In Europa, sono diverse le questioni sul tappeto: l’Ecofin del prossimo 9 luglio dovrà valutare se raccomandare o meno la procedura di deficit eccessivo per l’Italia. Inoltre, aumentano in Gran Bretagna i timori rispetto a una hard Brexit
in attesa di conoscere l’identità del successore della dimissionaria Theresa May, anche se lo scenario più probabile resta quello di una estensione dell’articolo 50 oltre la scadenza del prossimo 31 ottobre.

 

Al momento, il ritmo di crescita globale sembra essersi stabilizzato a un livello inferiore rispetto a quello registrato nel 2018. Non mancano elementi positivi su questo fronte: le economie sono sostenute dal calo dei tassi di disoccupazione. Tuttavia in USA, dove pure il mercato del lavoro è in buona salute, si vedono i primi segnali di un possibile rallentamento, con i nuovi posti di lavoro di maggio che sono meno della metà rispetto alle attese e un terzo rispetto a quelli di aprile. Senza considerare che alcuni segmenti della curva dei rendimenti governativi USA sono già invertiti, segnalando rischi crescenti di recessione. In compenso,
l’inflazione stabilmente sotto il 2% supporta le politiche monetarie espansive in atto in tutto il mondo, con i paesi asiatici che hanno avviato i primi tagli dei tassi.

 

Nella seconda metà del 2019, la crescita anemica, soprattutto di Europa e Giappone, potrebbe comportare per i mercati azionari ritorni più bassi e una maggiore volatilità. Nel contempo, poiché l’inflazione è destinata a mantenersi contenuta per un lungo periodo di tempo, le banche centrali manterranno bassi i tassi d’interesse spingendo gli investitori verso gli asset di rischio, nella speranza di ottenere extra rendimento.

 

Operativamente i fattori di rischio elencati ci inducono innanzitutto a ridurre il peso dell’azionario globale nella fascia bassa del range di neutralità e a sottopesare l’equity emergente, nell’ottica di rendere il portafoglio più difensivo. Incrementiamo invece a sovrappeso la parte obbligazionaria emergente, puntando sulle emissioni in dollari il cui yield to maturity è pari a circa il 6%. Un rendimento interessante che dipende da tre diverse motivazioni: la prima è l’aumento dell’incertezza riguardo ai negoziati commerciali tra USA e Cina; la seconda è l’avvio del processo di riduzione dei tassi di interesse da parte di alcune banche centrali asiatiche, in particolare India, Malesia, Filippine; l’ultima è che il tasso di revisione degli utili degli Emerging Markets resta negativo, pur essendo in miglioramento.

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes   1.2950 41,479,295 0.004
Brioschi   0.0736 57,972,133 0.023
Coima Res   8.3800 302,572,956 0.172
Covivio   92.6000 8,069,317,809 0.050
Dea Capital   1.3220 405,341,196 0.014
Gabetti Holding   0.3140 18,554,549 0.016
Heidelberg Cement   68.6400 13,619,306,981 0.010
Igd   6.0500 667,568,513 0.104
Mutuionline   15.6000 624,000,000 0.025
Nova Re   4.0100 44,160,342 0.002
Restart   0.5310 16,981,694 0.151
Risanamento   0.0394 70,953,263 0.233
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
  1,210.0000 125,689 0.016
  1,202.0000 101,993 0.038
  995.4000 66,372,277 0.013
  287.0000 149,676,240 0.004
  50.0000 13,423,700 0.000
  466.5000 56,913,000 0.000
  84.8000 178,531,390 0.000
  467.0000 52,956,866 0.000
  123.9600 180,352,751 0.077
  410.0000 23,124,000 0.000
  24.8500 1,528,374 0.000
  3.9365 0 0.000
  36.1050 2,484,024 0.000
  1,072.0000 0 0.013
  306.0000 39,474,000 0.039
  286.3000 17,178,000 0.000
  264.0000 0 0.013
  58.6500 37,922,504 0.000
  772.5000 123,600,000 0.022
  515.0000 15,887,750 0.040
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE