NEWS

La Bce probabilmente non cambierà rotta, nonostante le incertezze

di Frank Dixmier, Global Head of Fixed Income di Allianz Global Investors 11 Dicembre 2018


È pressoché certo che alla prossima riunione del 13 dicembre la Banca Centrale Europea annuncerà la conclusione del programma di acquisto titoli, ma alla luce dei dati recenti il timing del meeting è piuttosto delicato. La crescita dell’Eurozona ha registrato un rallentamento, raggiungendo solo lo 0,2% nel terzo trimestre (secondo Bloomberg) – il risultato peggiore negli ultimi quattro anni. Anche l’inflazione è più debole: in novembre il tasso complessivo si è attestato al 2% contro il 2,2% di ottobre, il tasso core all’1% contro l’1,1%.

 

Nonostante i dati deludenti, siamo convinti che la BCE confermerà definitivamente il termine del programma di acquisto di obbligazioni. Vanno in questa direzione sia il recente discorso del Presidente Mario Draghi al Parlamento Europeo, sia il verbale della riunione di ottobre della BCE. Probabilmente l’istituto considera il rallentamento un fenomeno temporaneo e non strutturale. Inoltre, i dati sembrano peggiori al confronto con il picco raggiunto dall’economia dell’Eurozona nel 2017.

 

Pur non aspettandoci un annuncio a sorpresa il 13 dicembre, guardiamo con interesse alle previsioni economiche aggiornate della BCE, che per la prima volta includeranno anche il 2021. La proiezione di crescita dell’istituto dovrebbe essere rivista solo leggermente al ribasso nonostante il recente calo del prezzo del petrolio, in grado di aumentare il potere di acquisto e di conseguenza l’inflazione core.

 

Un’evoluzione che a nostro parere sostiene la normalizzazione molto graduale della politica monetaria della BCE.

 

Sarebbe sbagliato pensare che la conclusione del programma di acquisto titoli della Banca Centrale segnali la fine della linea accomodante. La BCE ha il pieno controllo della situazione e dispone di importanti strumenti di politica monetaria per assolvere ai propri compiti. Tre in particolare saranno determinanti nel 2019:

 

• Politica di reinvestimento della BCE. Nel 2019 è previsto il reinvestimento di EUR 212 miliardi di debito in scadenza, ma restano diverse incognite. A oggi, la BCE non ha fornito indicazioni in merito all’orizzonte temporale, alla duration dei nuovi bond o all’allocazione degli acquisti fra emittenti pubblici e privati.
• Timing del primo rialzo dei tassi di interesse. Se in base alle precedenti dichiarazioni della BCE i mercati prevedevano un aumento dei tassi nell’autunno dell’anno prossimo, ora si pensa alla primavera del 2020.
• Offerta di nuovi finanziamenti a lungo termine per soddisfare le esigenze delle banche. La BCE ricorrerebbe a tale strumento in caso di contrazione della liquidità sul mercato, tanto più che molti istituti di credito devono rimborsare i finanziamenti a basso costo noti come “TLTRO” (Targeted Longer-Term Refinancing Operations).

 

La Bce non dovrebbe fornire molti dettagli su questi tre punti alla prossima riunione, per garantirsi la possibilità di reagire a eventuali mutamenti della situazione economica.
In ogni caso, la prosecuzione di una politica accomodante sarà probabilmente una buona notizia per gli investitori, dati i timori di inasprimento prematuro. La prossima riunione non dovrebbe neppure cambiare le prospettive dei mercati obbligazionari dell’Eurozona, attualmente più influenzati da una forte avversione al rischio che dai fondamentali.

MAPPA
COMMENTI
STESSA CATEGORIA
14 Gennaio 2019  |   di Andrea Delitala, Head of Investment Advisory di Pictet Asset Management Marco Piersimoni, Senior Portfolio Manager di Pictet Asset Management

Pictet AM: Aggiornamento sulla strategia di investimento

I mercati di dicembre hanno disatteso completamente le speranze di chi auspicava un rally di fine anno. Gli indici azionari

 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 0.00 1.3000 41,639,447 0.044
Brioschi 0.33 0.0600 47,259,891 0.001
Coima Res -0.28 7.0800 254,929,560 0.319
Covivio -1.58 84.1500 6,976,278,867 0.768
Dea Capital 1.25 1.2960 397,369,282 0.164
Gabetti Holding -1.22 0.3240 19,145,458 0.049
Igd -1.02 5.7520 634,686,626 0.637
Italcementi 0.00 10.5800 3,695,283,794 0.000
Mutuionline -1.49 15.9200 636,800,000 0.312
Nova Re -0.24 4.0895 42,441,547 0.003
Restart -2.89 0.2952 9,440,598 0.068
Risanamento 2.30 0.0222 39,978,742 0.041
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
-1.14 1,385.0000 143,867 0.022
1.58 1,000.6000 84,853 0.018
0.10 839.3000 55,963,685 0.016
-0.47 245.0000 127,772,400 0.029
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
-1.44 89.6900 130,492,403 0.045
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
-2.00 3.4720 0 0.002
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
0.08 997.8000 0 0.052
-1.24 395.0500 50,961,450 0.015
4.44 240.1500 14,409,000 0.005
-0.04 249.9000 0 0.015
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
-1.14 652.5000 104,400,000 0.008
-0.83 562.0000 17,337,700 0.008
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE