NEWS

DPAM: Outlook 2023, la sostenibilità continua a essere una priorità assoluta

di Ophélie Mortier, Chief Sustainable Investment Officer, DPAM 27 Dicembre 2022
Guardando al 2023 e oltre, la sostenibilità continua a essere una priorità assoluta per i governi, le imprese e gli investitori. Ecco cinque temi chiave che riteniamo daranno forma alla transizione sostenibile nei prossimi anni.
 
UN PANORAMA NORMATIVO SFIDANTE
La regolamentazione è una delle sfide principali per gli operatori del mercato. L'ascesa dell'ESG ha portato a un maggiore controllo e alla necessità di una maggiore trasparenza per evitare pratiche scorrette come il greenwashing. Di recente, abbiamo notato anche diversi casi di cosiddetto "green bleaching" (cioè la pratica di decidere di proposito di non dichiarare i benefici ambientali di un prodotto o servizio per evitare gli obblighi di rendicontazione che derivano da tali dichiarazioni). Diverse società finanziarie hanno riclassificato strumenti ex art. 9 come ex art. 8 per evitare tutti i necessari obblighi di rendicontazione e divulgazione. Con la continua crescita degli investimenti sostenibili, possiamo aspettarci una maggiore regolamentazione in questo settore, che potrebbe continuare a influenzare il modo in cui le società si approcciano agli investimenti ESG e le dichiarazioni che fanno sulle loro attività sostenibili.
 
GARANTIRE IL FUTURO: DALLE PROMESSE ALL'AZIONE
Mentre il mondo lavora sulla transizione energetica, la sicurezza energetica ha preso il centro della scena. E non è solo il cambiamento climatico a spingere questa transizione. Il protrarsi della guerra in Ucraina ha offerto ulteriori incentivi ai Paesi per accelerare la propria transizione energetica e garantire il soddisfacimento del fabbisogno nazionale. Gli impegni dei principali player come Stati Uniti, Unione Europea, Giappone, Corea del Sud, India e Cina sono stati senza precedenti per quanto riguarda la transizione verso le fonti rinnovabili e la riduzione delle emissioni di gas serra. Molti si sono impegnati a sostenere gli sforzi Net Zero. Ad oggi, l'80% della popolazione mondiale e il 91% del PIL globale sono coperti da questi impegni. Ma non sono solo gli impegni Net Zero a plasmare il futuro della sostenibilità. Solo negli Stati Uniti verranno spesi 370 miliardi di dollari per iniziative legate all'energia e al clima e, allo stesso modo, il programma Fit for 55 e Repower EU mirano a raddoppiare la quantità di energia rinnovabile utilizzata nell'UE entro il 2030 attraverso un aumento dei progetti e delle misure di efficienza energetica. Questo apre un gran numero di opportunità di investimento. Tuttavia, anche se si realizzassero le previsioni più ottimistiche in materia di raggiungimento del Net-Zero, l'obiettivo di limitare l'aumento delle temperature globali a meno di 2°C non è garantito. Per trasformare questo scenario ambizioso in realtà, è necessaria una notevole quantità di finanziamenti, con stime che vanno fino a 4.000 miliardi di dollari entro il 2030. È chiaro che è necessario un urgente allineamento delle priorità economiche, climatiche e di sicurezza. Il recente vertice COP27 rappresentava un'occasione preziosa per compiere progressi in questo campo, ma purtroppo l'esito è stato deludente.
 
LA CINA E LA TRANSIZIONE GLOBALE VERSO LA SOSTENIBILITÀ
Dalle restrizioni nelle materie prime base, alle tensioni geopolitiche e alla frammentazione delle catene di approvvigionamento, la strada verso l'energia pulita è piena di ostacoli. Sembra impossibile evitare di coinvolgere la Cina se si vuole parlare di questi temi. In effetti, la Repubblica Popolare attualmente sta dominando la transizione, in particolare nel settore della tecnologia dei pannelli solari. Tuttavia, la sua leadership comporta una serie di sfide, tra cui questioni relative ai diritti umani. La transizione non deve essere semplicemente un compromesso, in cui ci si concentra temporaneamente sulla "E" di ESG, a scapito dei fattori "S" e "G". Una trasformazione sostenibile con un'attenzione particolare all'ESG dovrebbe garantire che tutti e tre gli elementi siano considerati in egual misura. Raggiungendo e impegnandosi attivamente con le aziende e gli enti sovrani e sfruttando le loro competenze, le società finanziarie possono svolgere un ruolo importante nel guidare le entità chiave nel loro percorso ESG.
 
RESPONSABILITÀ SOCIALE: IL BRUTTO ANATROCCOLO
La "S" di ESG è spesso considerata il brutto anatroccolo del gruppo. Ma non bisogna sottovalutarla: è importante quanto i fattori ambientali e di governance. Infatti, è direttamente collegata alle questioni ambientali, dato che l'inquinamento atmosferico è il primo killer a livello mondiale. Inoltre, il cambiamento climatico sta avendo un effetto profondo sull'economia globale, portando all'aumento dei prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari, che mettono sotto pressione le condizioni e le retribuzioni dei lavoratori. Questo, a sua volta, aumenta il rischio di recessione e potrebbe avere gravi conseguenze sul mercato del lavoro. Questa complessa questione deve essere compresa anche nel contesto dei cambiamenti demografici in corso. Man mano che i baby boomer (un terzo della forza lavoro mondiale) vanno in pensione, lasciano il mercato del lavoro più velocemente di quanto vengano sostituiti dalle generazioni più giovani. Si tratta di un problema che richiede una soluzione globale per quanto riguarda il divario di competenze ed esperienze, e si dovrebbe guardare al modello scandinavo, caratterizzato da un approccio più intergenerazionale, per trarne ispirazione.
 
L'ALLOCAZIONE DEL CAPITALE E IL COSTO DELLE EMISSIONI NETTE ZERO
È evidente che la transizione verso le emissioni zero comporta un costo per alcuni settori. Abbiamo assistito a un cambiamento nell'allocazione dei capitali grazie all’attenzione per il clima. Tuttavia, gli investimenti in prodotti ambientali e, più in generale, ESG continuano a favorire la tendenza alla sostenibilità. Anche la percezione di una sottoperformance dei titoli ESG rispetto all'anno precedente è un tema caldo al momento. Non si tratta necessariamente di un riflesso della vitalità del mercato ESG, ma piuttosto di una questione di allocazione settoriale in combinazione con i premi ESG e l'aumento del rendimento reale. È chiaro che gli emittenti "verdi/sostenibili" vengono scambiati a premio, e alcuni vedono un aumento di prezzo del 40% rispetto ad altre soluzioni. Anche l'uso di obbligazioni ufficialmente etichettate è in aumento, sebbene ciò comporti una serie di sfide, tra cui la necessità di evitare il greenwashing. Tuttavia, siamo convinti che, per chi è disposto a cercare, ci siano ancora molte opportunità da cogliere.
MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
00199843 -6.67 2.8000 203,491,761 0.000
Abitare In 0.71 5.6600 150,164,396 0.033
Aedes -0.17 0.2895 81,235,804 1.280
Borgosesia 0.56 0.7220 34,452,175 0.091
Brioschi 0.00 0.0810 63,800,852 0.016
Covivio 0.32 63.0000 5,971,524,048 0.035
Dea Capital 0.00 1.4900 397,252,029 0.750
G Rent 0.00 2.2400 13,636,000 0.000
Gabetti 0.48 1.2500 75,419,458 0.158
Heidelberg Cement 1.58 62.8200 12,130,033,158 0.096
Homizy 0.00 4.4000 44,850,665 0.000
Igd -6.93 2.7550 303,991,943 4.860
Mutuionline -2.88 28.3000 1,132,000,000 0.287
Next Re -1.15 3.4400 37,884,906 0.042
Restart -1.82 0.3230 10,339,107 0.022
Risanamento -0.33 0.1226 220,783,503 0.078
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.00 510.0000 52,976,250 0.000
0.00 17.3800 1,474,745 0.011
0.05 302.3500 20,160,396 0.046
1.69 159.9600 83,422,339 0.000
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
0.23 19.7060 28,670,791 0.001
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
-0.87 3.0270 0 0.001
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
-0.95 1,044.0000 0 0.029
2.23 37.8750 4,885,875 0.092
0.30 47.2000 2,832,000 0.012
-1.37 183.4600 0 0.027
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
0.60 25.0100 4,001,600 0.061
2.20 364.9000 11,257,165 0.098
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE